Cosa è importante sapere sui diamanti?

I diamanti hanno un posto speciale tra le altre pietre preziose per la loro durata, chiarezza cristallina e straordinaria luminosità. Tuttavia, non tutti gli esemplari, come qualsiasi materiale di origine naturale, possono vantare caratteristiche ideali. Per valutare i diamanti, gli esperti di gioielleria utilizzano uno speciale sistema 4C, con l'aiuto del quale vengono considerati quattro criteri principali che influenzano il valore di un minerale: taglio, purezza, colore e peso. Diamo un'occhiata più da vicino a ciascuno di essi.

Taglio a diamante

Prima che un diamante diventi un diamante e prenda posto in un gioiello, il gioielliere dà una forma alla gemma e, durante il processo di molatura, applica sfaccettature o sfaccettature sulla sua superficie al fine di massimizzare le migliori proprietà del minerale, come lucentezza, "gioco" e ombra.

La decisione su quale forma verrà tagliata viene presa in base alle preferenze del gioielliere e, naturalmente, alla forma naturale del prezioso cristallo.

Dal Novecento ad oggi, il tipo di taglio più diffuso è il taglio “a diamante”, proposto da Marcel Tolkowski e numerato in 57 sfaccettature. È questo taglio che aiuta a rivelare al meglio le proprietà di gioielleria di un cristallo rotondo e a conferire ai gioielli con diamanti un fascino e una lucentezza speciali.

Per i minerali di medie dimensioni (meno di 0,03 carati), i gioiellieri usano un taglio semplificato di 17 sfaccettature e per i diamanti più grandi un "taglio high-light" con 74 sfaccettature, "reale" con 86 sfaccettature o "maestoso" In 103 sfaccettature - il costo di una tale copia raggiunge diversi milioni.

La qualità del taglio, che descrive le dimensioni, la posizione, la proporzionalità, la simmetria e la lucidatura delle sfaccettature, influisce non solo sull'aspetto, ma anche sul valore del futuro diamante. Migliore è la qualità, più chiara è l'ombra e più luminoso è il "gioco".

Ti consigliamo di leggere:  Boho girl - come creare uno stile unico

Allo stesso tempo, esiste anche un taglio "commerciale", che si basa sulla volontà di ridurre al minimo la perdita di peso durante la lavorazione (con una corretta lavorazione si perde il 50-70%).

Di conseguenza, le proporzioni vengono violate, il colore diventa opaco e la lucentezza è meno brillante. La differenza può essere vista anche guardando il diamante dall'alto usando una speciale lente d'ingrandimento: per le gemme con il taglio corretto, puoi vedere uno schema chiaro di quadrati e "frecce" che si intersecano.

Colore

L'ombra di un diamante dipende dalla presenza di impurità chimiche nella sua struttura: maggiore è la percentuale, più intensa è l'ombra della pietra preziosa. I più preziosi sono minerali assolutamente trasparenti e incolori. Questi sono estremamente rari in natura, da qui il loro costo elevato.

Allo stesso tempo, i diamanti sono disponibili anche in tonalità ricche e intense (rosa, blu, rosso, verde, arancione, nero e altre), solitamente chiamati fancy. Questi sembrano particolarmente impressionanti nei gioielli progettati per le uscite serali.

Molto spesso, puoi trovare cristalli con sfumature giallastre e grigiastre, sono meno interessanti per i gioiellieri e riducono significativamente il costo dei gioielli.

Purezza

La maggior parte dei diamanti utilizzati in gioielleria si sono formati nel mantello terrestre tra 1 e 2,5 milioni di anni fa, durante questo enorme periodo di tempo le condizioni in cui si sono formati i minerali (temperatura e pressione) sono cambiate, influendo sulla loro qualità.

La purezza indicata sull'etichetta, ad esempio, degli orecchini di diamanti, racconterà il livello di trasparenza del cristallo, l'assenza o il grado di presenza di difetti e mostrerà anche come il raggio di luce passi senza ostacoli attraverso la pietra, si riflette dalle sue facce interne e disperse.

La chiarezza di una gemma viene solitamente valutata con una lente d'ingrandimento 10x. Quando si esamina un'etichetta per gioielli, prestare attenzione ai numeri: più bassi sono, più puro è il cristallo. La caratteristica è solitamente indicata dopo il colore del cristallo, ad esempio "1/2", dove 1 è il colore del minerale e 2 è la sua purezza.

Ti consigliamo di leggere:  Seguendo l'esempio della regina dei cuori umani - gioielli come la principessa Diana

La purezza, indicata con 3, significa che questo è un minerale ideale senza alcun difetto. Tuttavia, la presenza di piccoli difetti non è un motivo per rifiutare un acquisto! È accettabile una chiarezza da 6 a XNUMX, poiché è quasi impossibile determinare a occhio la presenza di inclusioni nei diamanti di questi gruppi.

Dimensioni e peso

Anticamente il peso delle pietre preziose veniva determinato utilizzando i semi di alcune colture. Oggi il peso dei diamanti viene misurato in unità speciali: i carati. Un carato del minerale corrisponde a 0,2 grammi. I diamanti che pesano fino a 0,3 carati sono considerati piccoli, da 0,3 a 1 carato - medio, da 1 carato e oltre - grande.

Esiste una relazione tra il peso e la dimensione dei diamanti. Il modo più semplice per determinare il numero di carati per i diamanti rotondi è misurare il diametro della pietra.

A proposito, il costo approssimativo di una pietra può essere determinato utilizzando la "regola Tavernier": il quadrato della massa in carati viene moltiplicato per il prezzo base di un carato.

armonissimo
Aggiungi un commento

;-) :| :x : Twisted: :Sorriso: :shock: : triste: :Rotolo: : Razz: : Oops: :o : Mrgreen: : Lol: : Idea: : Grin: :il male: : Cry: : Cool: :freccia: : ???: :?: :!: