Gemme negli orologi meccanici

Compratore: Fammi vedere quell'orologio... Quante pietre ci sono dentro? Venditore: Movimento automatico su 25 pietre, frequenza di bilanciamento...

Compratore (interrompe): Va bene, questa frequenza... Non funzionerà comunque! Il mio amico ha un orologio: ci sono 31 pietre e qui ce ne sono solo 25 ...

Il dialogo, ovviamente, è immaginario e non fantasticheremo oltre. È chiaro che l'acquirente qui è una persona, in poche ore, per usare un eufemismo, non molto informato, ma il venditore ... Non possiamo dire nulla sul venditore. Ma invece, ti aiuteremo a capirlo:

  1. che tipo di pietre sono queste;
  2. a cosa servono;
  3. è vero che la loro quantità influisce sulla qualità dell'orologio.

Pietre: a cosa servono?

L'orologio è un dispositivo molto complesso con molte parti, la maggior parte delle quali mobili. Le molle vengono compresse e sbloccate, le ruote girano, ogni sorta di leve si muove avanti e indietro... Queste parti interagiscono meccanicamente tra loro e con le parti fisse della struttura. Quindi, la parte più importante del meccanismo, che determina il ritmo del suo funzionamento e, di conseguenza, l'accuratezza del movimento, è l'equilibrio: un bordo massiccio (secondo gli standard di un meccanismo in miniatura) che vibra a un ritmo rigorosamente definito ( e sufficientemente alta) frequenza.

Queste vibrazioni, poi in senso orario, poi antiorario, e così continuamente, avvengono, naturalmente, su un asse che poggia su una parte fissa (in orologeria si chiama platino). L'attrito avviene nel supporto. Per stabilizzarlo e minimizzarlo, nonché per prevenire l'usura prematura delle parti di sfregamento, vengono utilizzati cuscinetti, come tutti sanno.

Queste sono le pietre che sono tali cuscinetti nell'orologio! Non solo da loro, le pietre sono installate in una serie di punti responsabili del senso di attrito, ma qui non approfondiremo le specifiche della micromeccanica dell'orologio: abbiamo stabilito la cosa principale.

Perché esattamente pietre?

A causa della piccolezza degli orologi da polso, è impossibile utilizzare i familiari cuscinetti a sfera oa rulli. Anche non solo negli orologi da polso: gli artigiani affrontavano questo problema anche nell'era degli orologi da tasca. I meccanismi divennero piccoli, le tecniche di ingegneria meccanica generale, adatte, ad esempio, per gli orologi da torre, cessarono di funzionare. E a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo, apparve l'idea: utilizzare pietre preziose in questa veste, vale a dire i rubini. Il grande orologiaio inglese George Graham divenne un pioniere in questo settore.

Ti consigliamo di leggere:  Semplicità brillante e qualità impeccabile sono i modelli Mondaine più attuali questo autunno

L'attrito del metallo contro il rubino si è rivelato più che accettabile, inoltre, il rubino è molto duro (e quindi resistente), ma non troppo difficile da lavorare, consentendo di dargli la forma desiderata - prismi , emisferi, con depressioni e buchi, ecc. Inoltre, il rubino ha un'eccellente bagnabilità - anche questo è importante, perché è ancora necessaria la lubrificazione e, con una buona bagnabilità, l'olio viene distribuito uniformemente sulla superficie.

Infine, la pietra non si corrode, indispensabile sia per se stessa che per il lubrificante. Tutte queste qualità sono state ereditate dalle pietre sintetiche, il cui tempo è arrivato nel ventesimo secolo, e che ha ridotto radicalmente il costo di produzione dei movimenti degli orologi. Per le sue caratteristiche fisiche e chimiche, un rubino artificiale non è diverso da uno naturale. Questo è lo stesso corindone, è anche ossido di alluminio cristallino (Al2O3), con l'aggiunta di proporzioni microscopiche di cromo, che conferisce alla pietra un colore rosso. Nota: in inglese, queste pietre sono giustamente chiamate preziose - gioielli.

La quantità va in qualità

Nella scienza, la dialettica - sì, lo fa. In natura, di regola, anche. Ma nella tecnologia e nell'arte - non sempre! E nella meccanica degli orologi, è l'arte dell'orologeria, questa legge non è affatto costante. Nel concetto di meccanismo dell'orologio, stabilito da circa tre secoli, sono necessarie solo 17 pietre. Evitiamo di dettagliare - che tipo di pietre e in quali luoghi - ma semplicemente nota: solo 17. A volte i produttori risparmiano denaro sostituendo una o due pietre con un supporto in ottone, ma negli orologi moderni di alta qualità il numero di pietre spesso supera il classico 17. È anche aumentato dalle auto, dall'avvolgimento e da varie funzioni aggiuntive: calendario, cronometro, acustica, astronomica, ecc.




Ti consigliamo di leggere:  Novità della settimana: recensione dell'orologio Rodania Leman Supersport

Il principale produttore mondiale di movimenti per orologi è l'azienda svizzera ETA, membro del gruppo Swatch. Il famosissimo calibro ETA Unitas 6497/6498 a carica manuale, tre lancette centrali (ore, minuti, secondi) e datario a finestrella funziona su soli 17 rubini. E l'ETA 2824-2, con le stesse funzioni, ma a carica automatica, ha 25 rubini. Molti marchi di orologi, compresi quelli d'élite, acquistano questi movimenti, eseguono ulteriori rifiniture, contrassegnano il prodotto con i propri loghi, ma in realtà il "cuore" dell'orologio rimane lo stesso.

Altre aziende, in particolare quelle al di fuori del Gruppo Swatch, acquistano esattamente lo stesso meccanismo da Sellita, ad esempio l'SW 200-1. Per rendere questo clone in qualche modo diverso da ETA 2824-2, Sellita lo integra con un'altra pietra (opzionale), portando il loro numero a 26.

Ma nell'altrettanto popolare movimento automatico ETA 2892-A2, che rappresenta la prossima generazione di calibri, ci sono meno pietre - 21, con le stesse funzioni. Lo stesso numero (25) si trova in un altro movimento, fondamentale per l'intera industria dell'orologeria, l'ETA Valjoux 7750, anche se funzionalmente più complesso, perché presenta anche le capacità di un cronografo per misurare i singoli periodi di tempo. Quindi non c'è un collegamento diretto tra il numero di pietre e la perfezione tecnica del meccanismo.

E ancora…

Tuttavia, come abbiamo già detto, esiste uno schema generale: più funzioni ha un orologio, più strutturalmente è il suo meccanismo e più pietre contiene. Ad esempio, nel movimento del Patek Philippe Grandmaster Chime, con calendario perpetuo, secondo fuso orario, fasi lunari, sveglia, ripetizione minuti, indicatore della riserva di carica e altre funzioni - ce ne sono 20 in totale, di cui 5 quelle acustiche, - 1366 parti, incluse 108 gemme!

E l'orologio da tasca Patek Philippe Calibre 89 da record con 33 funzioni opera su 126 pietre, sul numero totale di parti del movimento - 1728. Lo stesso modello, in generale, obbedisce all'uso di alcune soluzioni tecniche o concettuali non standard.

Ti consigliamo di leggere:  Orologio unisex TechnoMarine Cruise Sport

Così, il meccanismo dell'orologio con ripetizione minuti A. Lange & Sohne Zeitwerk (Germania) è assemblato su 93 pietre, il che non sorprende: l'indicazione di ore e minuti qui è digitale (nelle finestre, "saltando"), c'è un minuto ripetitore, e persino un dispositivo invisibile di sforzo costante che garantisce la stabilità della corsa indipendentemente dalla tensione della molla principale.

E tuttavia, il nostro acquirente fittizio, che si è lamentato all'inizio della recensione per un piccolo numero di pietre (solo 25, un amico ne aveva di più - 31) si è sbagliato proprio nella base del suo giudizio. Inoltre, l'aumento deliberato del numero di pietre per scopi puramente di marketing dovrebbe essere definito anche dannoso! Ci sono curiosità conosciute di questo tipo: nel tentativo di attirare un cliente inesperto, l'azienda pratica fori inutili - non meno di 83 - nel rotore a carica automatica e installa una pietra in ciascuno, anch'essa completamente inutile.

Piuttosto, serve solo a questo produttore, che, avendo aumentato il numero di pietre a 100 (di cui 17 effettivamente funzionanti), aumenta il prezzo del prodotto in modo sproporzionato rispetto ai costi. A proposito, in questo caso aneddotico, l'azienda per errore non ha perforato 83, ma 84 fori - hanno calcolato male, ma sono state messe solo 83 pietre: pensavano che 101 sarebbe stato troppo ...

E il quarzo?

Ovviamente sopra abbiamo parlato solo di meccanica. E che dire delle pietre degli orologi al quarzo? Diciamolo subito: ce ne sono molti meno, ma almeno uno c'è ancora. Questo è un supporto per l'albero del rotore di un motore passo-passo che trasmette le vibrazioni ad alta frequenza di un cristallo di quarzo a una ruota motrice. Quindi, se vedi i segni "1 gioiello" o anche "Nessun gioiello" (spesso se la cavano con i compositi), questo non significa che l'orologio sia cattivo. Sono solo diversi.

armonissimo
Aggiungi un commento

;-) :| :x : Twisted: :Sorriso: :shock: : triste: :Rotolo: : Razz: : Oops: :o : Mrgreen: : Lol: : Idea: : Grin: :il male: : Cry: : Cool: :freccia: : ???: :?: :!: