La bellezza è inutile: studiamo gli incantesimi lunari e gli indicatori lunari

L'indicatore delle fasi lunari è una complicazione interessante. Altri indicatori astronomici sono sorprendenti, persino sconcertanti. Non tutti possono comprendere l'equazione del tempo. Semplicemente non notiamo il tempo siderale nella vita di tutti i giorni; l'indice di alba e tramonto non ci arricchirà di conoscenze utili. Ma l'indicatore delle fasi lunari è una complicazione, se non la più, allora ancora molto comune: involontariamente crederai nel suo valore pratico. Tuttavia, questo dispositivo, così diffuso, è notevole solo per il suo inutile splendore, perché non è più pratico della brillantezza dei diamanti o del colorito della coda di un pavone. Tuttavia, non è sempre stato così: per la maggior parte della sua storia, l'umanità ha attribuito grande importanza alla crescita e al calare della luna.

L'influenza del ciclo lunare sul comportamento di animali e piante, per non parlare dell'uomo; il calendario lunare e le festività religiose calcolate in base ad esso - non sorprende che, essendo appena apparso, l'orologeria non abbia ignorato l'indicatore delle fasi lunari. In altre parole, e oggi ci sono ragioni per cui l'alternanza delle fasi lunari non è solo nostrana di occultisti, maghi e neopagani. E questo ardente interesse mostra che l'incantesimo lunare, non soggetto a logica e comprensione, affascina ancora le persone ed eccita l'immaginazione.

Negli orologi della collezione Historiador Doble Luna, come suggerisce il nome, sopra le “ore 6” sono presenti due finestrelle con l'indicazione delle fasi lunari – impossibile dire con certezza in quale emisfero ci si trova quando decidi di controllare il calendario lunare, quindi per tua comodità viene offerta un'indicazione sia per il sud che per il nord.

Il solito indicatore delle fasi lunari è un disco rotante con due immagini della luna, montato sotto un quadrante scanalato. Mentre il disco ruota, un'immagine viene gradualmente nascosta dietro il bordo dello slot - la Luna va a danneggiarsi - e poi anche la seconda immagine appare gradualmente da dietro l'altro bordo - la Luna sta crescendo. Il guaio è che il meccanismo di trasmissione dell'orologio è progettato per un giro completo al giorno e la durata del mese lunare non coincide con il mese del calendario solare.

Il cosiddetto mese sinodico - l'intervallo tra fasi lunari simili - è di circa 29,5 giorni solari. Se il mese lunare durasse 29 o 30 giorni, tutto sarebbe semplice: fare un disco con 29 o 30 denti, un dente per ogni giorno, e basta. Ma 29,5 ... Non puoi aggiungere mezzo dente al disco. La via d'uscita tradizionale è la seguente: si realizza un disco con 59 denti, un giro completo del quale deve corrispondere a due cicli lunari. Ecco perché sul disco ci sono due immagini della Luna: mentre una scompare, l'altra si prepara ad apparire.

Ti consigliamo di leggere:  Titoni Heritage Chronograph Review 94019-S-ST-682

Purtroppo, in astronomia non tutto è così liscio: è molto necessario che l'Universo osservi la puntualità per il bene della nostra convenienza. Il mese lunare, come già accennato, è solo approssimativamente uguale a 29.5 giorni del calendario solare, il che significa che le letture dell'indicatore lunare non sono del tutto accurate. Il fallimento nella testimonianza non è così significativo: 1-2 giorni in due anni e mezzo. L'errore nelle letture dell'indicatore lunare non dovrebbe destare preoccupazione: sarà così insignificante che non te ne accorgerai nemmeno.

Nell'orologio Epos Oeuvre d'Art North Star, l'indicatore delle fasi lunari mostra come appare il satellite terrestre più vicino quando lo guardi dall'emisfero settentrionale del nostro pianeta.

Aspirare alla perfezione non cerca nessun'altra ricompensa, se non per la sua acquisizione (almeno, sia gli intenditori di orologi che i loro creatori la pensano così). Tuttavia, negli ultimi anni sono emersi diversi nuovi sistemi, i cui produttori non solo miravano alla perfezione per il bene della perfezione, ma volevano anche creare orologi diversi dai prodotti della concorrenza. Questo è ciò che i sostenitori del libero mercato saranno felici di sapere che, almeno in questo settore, grazie alla concorrenza, i consumatori stanno aprendo una selezione così ricca di orologi con ingegnosi indicatori lunari, che non è mai stata prima. Molti di questi dispositivi coesistono nei nuovi orologi con altre complicazioni esotiche.

Ora sappiamo tutti che le macchie scure sulla Luna sono crateri lunari. Ma solo centinaia di anni fa, negli anni '1920, l'astronomo di Harvard William G. Pickering, osservando la Luna attraverso un telescopio di prima classe, sviluppò la sua, a dir poco innovativa, teoria secondo cui le macchie scure sulla Luna sono causate da orde di migratori stagionali. insetti.

Molto tempo fa, quando le persone non erano ancora in grado di rappresentare le peregrinazioni della luna attraverso il cielo con l'aiuto della meccanica, era venerata come una divinità. Selene, la dea della luna nell'antica Grecia, era una delle divinità più antiche e potenti. La sua bellezza era insidiosa: quando il giovane bel Endimione ebbe la sfortuna di attirare la sua attenzione, Selena, per non separarsi mai da lui, lo fece sprofondare nel sonno eterno.

Ti consigliamo di leggere:  Samurai d'acciaio: recensione Casio G-Shock GMW-B5000D-1E

L'indicatore delle fasi lunari (nella sua forma più semplice) è una complicazione non troppo intricata: devi solo guardare occasionalmente il cielo e correggerne le letture. Poiché anche le preoccupazioni terrene erano associate al ciclo lunare (quando celebrare la Pasqua, quando seminare i piselli, quando fare un sacrificio alla gloria degli dei), non sorprende che il puntatore lunare fosse la prima complicazione, ad eccezione del consueto calendario, che è passato dagli orologi da terra e da tavolo agli orologi da polso.

I grandi scienziati-artisti del Rinascimento cercarono di comprendere il movimento dei corpi celesti per discernere un'altra realtà dietro la spettrale realtà terrena, genuina e duratura. Già nel XIV secolo orologiai come Giovanni de Dondi realizzavano orologi come l'Astrarium, dotati di indicatori del movimento dei pianeti, delle stelle, della Luna e dei nodi della sua orbita, oltre che di un calendario per l'anno. Il grande orologio astronomico, come quel capolavoro costruito nel 14 nella cattedrale di Strasburgo in Germania, gettò le basi per future complicazioni astronomiche e nel XVII secolo l'indicatore delle fasi lunari iniziò ad apparire sui piccoli orologi.

Così, l'orologiaio inglese Simon Bartram realizzò un orologio pendente in una cassa di cristallo trasparente, dove, oltre a un calendario, un indicatore dei giorni della settimana e dei segni dello zodiaco, c'era anche un indicatore lunare. Anche Abraham-Louis Breguet ha mostrato interesse per gli orologi con questa complicazione. Diversi di questi orologi sono usciti dal suo laboratorio e queste opere eccezionali sono diventate un modello per i moderni creatori di orologi con un indicatore lunare.

L'indicatore delle fasi lunari non è raro negli orologi da uomo, in particolare quelli che possono essere attribuiti alla "sera" o al "gran fine settimana". La decorazione del quadrante con un'incisione con un motivo interessante, o le stelle sul disco di questa semplice e bella complicazione, informeranno sicuramente gli altri sul carattere del proprietario.

Non esiste una sola grande azienda orologiera svizzera che non produca orologi con indicatore lunare. L'orologio da tasca più imponente di questo tipo (impressionante sia esternamente che in termini di numero di complicazioni) appartiene al XIX - inizio XX secolo. Orologi da tasca astronomici di eccezionale bellezza sono stati realizzati non solo da Jaeger-LeCoultre, Patek Philippe e Audemars Piguet, ma anche da manifatture meno conosciute, e l'eco di queste opere classiche è riconoscibile nei prodotti dei maestri di oggi.

Dopo la prima guerra mondiale, quando gli orologi da tasca cominciarono a passare di moda, le loro caratteristiche di design iniziarono a essere trasferite agli orologi manuali. Lo stesso è accaduto con le complicazioni, incluso l'indicatore delle fasi lunari.

Ti consigliamo di leggere:  Carnivori ed erbivori - Recensione Citizen Promaster Tsuno Chronograph Bullhead AV0070-57L

Con la fine della seconda guerra mondiale, l'eleganza e il piccolo spessore cominciarono a essere considerati i principali vantaggi degli orologi. Ora il tono era dato dai classici calendari perpetui con indicatore lunare, insuperabile nella raffinatezza dello stile. Molte manifatture iniziarono la produzione in serie di orologi con un triplo indicatore del calendario (giorno, mese, giorno della settimana) e un indicatore delle fasi lunari. L'indicatore della luna iniziò ad apparire anche sui cronografi, conferendo a un quadrante rigoroso e pratico un aspetto alquanto frivolo.

Armand Nicolet nei modelli MH2 Moon & Date offre un disco lunare di dimensioni modeste, ma una "finestra" dal design accattivante di questa complicazione romantica: presta attenzione alla "faccia" del sipario e prova a vedere questo aspetto sulla prossima luna piena - con un indicatore delle fasi lunari sicuramente non lo vedrai mancare.

In generale, quando un produttore vuole creare un puntatore lunare diverso dai prodotti della concorrenza, a parte le piccole cose del design, sceglie uno dei due modi: introduce un modo fondamentalmente nuovo di indicare o ottiene una maggiore precisione delle letture . Lo svantaggio principale degli indicatori lunari tradizionali è che, nonostante tutto il loro innegabile fascino retrò, hanno lo stesso innegabile difetto retrò: i contorni della luna su di essi non sembrano nel cielo. Sulle lancette, il confine di luce e ombra sulla superficie della Luna è una curva disegnata una volta per tutte, mentre la luna nel cielo cambia continuamente forma e talvolta si trasforma in un semicerchio regolare.

Ciò è dovuto al fatto che la Luna nel cielo non è un disco piatto, ma un corpo sferico. La conclusione è ovvia: affinché la luna appaia sull'orologio come nel cielo, il puntatore deve avere la forma di una palla. Ci sono produttori che fanno proprio questo.

Per quanto riguarda la precisione della concorrenza, il tedesco A. Lange 1815 Moonphase è il leader qui: in termini di precisione dell'indicatore delle fasi lunari, il loro errore non supera un giorno in 1 anni. Naturalmente, c'è poca gioia nel fatto che le letture dell'indicatore lunare debbano essere chiarite non prima che l'umanità o popoli i pianeti del sistema solare o alla fine si distrugga. Ma l'indicatore delle fasi lunari non è per pragmatici incalliti. Per goderti l'immagine di come la Luna cambia forma al tuo polso, devi avere almeno un po' di poesia nella tua anima e fantasia nei tuoi pensieri.

Ti piace questo articolo? Condividi con gli amici:
armonissimo
Aggiungi un commento

;-) :| :x : Twisted: :Sorriso: :shock: : triste: :Rotolo: : Razz: : Oops: :o : Mrgreen: : Lol: : Idea: : Grin: :il male: : Cry: : Cool: :freccia: : ???: :?: :!: